Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Caroline Campinho Morgado De Oliveira ad Alessandria

Vittima:
Caroline Campinho Morgado De Oliveira
Presunto killer:
Pedro Casteluci Tofanetto de Oliveira
Località:
Alessandria
Data:
30 novembre 2018
Foto del fiume Tanaro ad Alessandria. Sullo sfondo il ponte Meier.

Foto del fiume Tanaro ad Alessandria. Sullo sfondo il ponte Meier (di Neq00, licenza CC BY-SA 4.0).

Voce su Caroline Campinho Morgado De Oliveira

Caroline Campinho Morgado De Oliveira, 24 anni, era stata trovata morta nel corso del pomeriggio del 30 novembre 2018 ad Alessandria.‍‍[1]

A scoprire il corpo della giovane di origini brasiliane fu il marito Gabriel Casteluci Tofanetto De Oliveira, 26 anni, impiegato come dipendente di una ditta della zona, nato in Brasile ma di nazionalità italiana. L'uomo stava lavorando quando aveva cercato invano di mettersi più volte in contatto telefonico con la moglie.

Preoccupato per le mancate risposte, alcune ore dopo decise di tornare a casa per controllare che non fosse successo nulla di grave. Una volta entrato nell'appartamento di via Milano dove viveva insieme alla coniuge, nel centro storico del capoluogo piemontese, notò la ventiquattrenne accasciata esanime sul pavimento. Intorno erano presenti segni di colluttazione e arredi in disordine. L'autopsia stabilì il decesso per soffocamento. Sarebbe stata strangolata.‍‍[2]

Foto del fiume Tanaro ad Alessandria. Sullo sfondo il ponte Meier.

Foto del fiume Tanaro ad Alessandria. Sullo sfondo il ponte Meier (di Neq00, licenza CC BY-SA 4.0).

Le attenzioni degli inquirenti furono immediatamente rivolte al cognato della giovane, ovvero il fratello minore del marito, Pedro Casteluci Tofanetto De Oliveira, 22 anni, che si era trasferito dal Brasile per trovare lavoro in Italia.‍‍[3] Il giorno del delitto, prima di tornare a casa, Gabriel aveva cercato di contattare anche il fratello che da qualche giorno era ospite nell'abitazione della coppia.

Tuttavia, così come accaduto per la moglie, non ricevette alcuna risposta. Il sospettato soffriva di instabilità mentale e, nelle ore precedenti al rinvenimento del cadavere della vittima, sarebbe stato visto da un pescatore in riva al fiume Tanaro mentre si gettava dal ponte Cittadella (detto anche ponte Meier), presumibilmente nel tentativo di suicidarsi. I Carabinieri avevano trovato il suo giubbotto nel punto in cui si era lanciato. Il ventiduenne risultò scomparso e si riteneva fosse morto. Da quel giorno furono attivate le procedure di ricerca.‍‍[2]

Il 9 aprile 2019, sulla riva del Po a Pieve del Cairo in provincia di Pavia, fu ritrovato un corpo senza vita.‍‍[4] Dopo l'esecuzione degli accertamenti, nel mese di giugno fu reso noto che si trattava proprio del cadavere di Pedro Casteluci Tofanetto de Oliveira.‍‍[5]

Note

  1. Giovane donna trovata cadavere in un alloggio di via Milano. AlessandriaNews. Archiviato dall'originale.
  2. a b Dopo l'autopsia della brasiliana i dubbi sul delitto di Via Milano restano. Alessandria Oggi. Archiviato dall'originale.
  3. L'uomo che si è gettato dal Meier e la donna trovata morta in casa erano cognati. Alessandria Oggi. Archiviato dall'originale.
  4. Il corpo trovato in riva al Po a Pieve del Cairo potrebbe essere quello del giovane brasiliano che si gettò dal ponte Meier di Alessandria a novembre. Alessandria Oggi. Archiviato dall'originale.
  5. Pieve del Cairo: era di un giovane il brasiliano il corpo trovato sulle sponde del Po. Vigevano24.it. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.