Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Maria Tanina Momilia a Isola Sacra di Fiumicino

Vittima:
Maria Tanina Momilia
Killer:
Andrea De Filippis
Località:
Isola Sacra di Fiumicino
Data:
8 ottobre 2018
La Chiesa di Santa Paola Frassinetti all'Isola Sacra di Fiumicino dove sono stati celebrati i funerali di Maria Tanina Momilia

La Chiesa di Santa Paola Frassinetti all'Isola Sacra di Fiumicino dove sono stati celebrati i funerali di Maria Tanina Momilia (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Maria Tanina Momilia

La Chiesa di Santa Paola Frassinetti all'Isola Sacra di Fiumicino dove sono stati celebrati i funerali di Maria Tanina Momilia

La Chiesa di Santa Paola Frassinetti all'Isola Sacra di Fiumicino dove sono stati celebrati i funerali di Maria Tanina Momilia (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Maria Tanina Momilia, 39 anni, è stata trovata morta la mattina dell'8 ottobre 2018 in via Castagnevizza all'Isola Sacra, frazione del comune di Fiumicino in provincia di Roma.

Il corpo senza vita della donna, madre di due figli, era riverso all'interno di un canale di bonifica. A farne la scoperta furono alcuni operai addetti alla pulizia delle sponde. Il cadavere presentava ematomi, ecchimosi e delle profonde ferite alla testa.‍‍[1]‍‍[2]

Il marito della trentanovenne aveva denunciato la scomparsa il giorno precedente. La donna si era allontanata dalla propria abitazione durante la mattinata riferendo ai familiari che sarebbe andata a pranzo da alcuni conoscenti. Nelle ore successive non fece ritorno a casa, mettendo in apprensione i parenti. Dopo il ritrovamento del corpo senza vita, gli inquirenti esclusero la caduta accidentale nel canale sulla base della prima ispezione medico legale.

Successivamente l'autopsia aveva confermato il decesso a causa di un forte trauma, provocato da un oggetto contundente che le aveva colpito violentemente la testa fratturandole il cranio. Lo stesso esame aveva rilevato anche un tentativo di soffocamento: un particolare che avrebbe indicato l'avvenimento di una colluttazione negli istanti precedenti alla morte.‍‍[3]

Durante le indagini si scoprì che la signora Momilia, la domenica mattina del 7 ottobre 2018, si era recata alla palestra di Andrea De Filippis, personal trainer ed ex poliziotto di 56 anni. Quest'ultimo fu iscritto nel registro degli indagati, come atto dovuto, da parte della Procura di Civitavecchia. Interrogato dagli inquirenti, inizialmente negò qualsiasi coinvolgimento nella vicenda, ma il seguente 11 ottobre l'uomo si costituì presso la stazione dei Carabinieri di Fiumicino per confessare l'omicidio.‍‍[4]

Panorama aereo dell'Isola Sacra alla foce del fiume Tevere, frazione del comune di Fiumicino in provincia di Roma

Panorama aereo dell'Isola Sacra alla foce del fiume Tevere (di Dtom, licenza CC BY-SA 3.0)

Secondo le ricostruzioni, la trentanovenne avrebbe avuto degli incontri occasionali con De Filippis che, ai tempi, era fidanzato con un'altra donna. Quella domenica mattina in palestra i due avrebbero avuto un litigio nello sgabuzzino. Lui l'avrebbe colpita con un manubrio da peso, provocandone la morte. Poi nelle ore successive si sbarazzò del cadavere trasportandolo al canale di bonifica, dove venne ritrovato la mattina seguente.‍‍[5]

Non fu chiarito il movente del gesto. Fra le varie ipotesi, l'intenzione da parte della signora Momilia di rivelare la relazione segreta alla compagna del personal trainer. Versione che comunque non era stata accertata e sulla quale Daniele Scarpati, marito della vittima, aveva espresso diversi dubbi. L'uomo non aveva mai creduto all'esistenza del rapporto extraconiugale e, secondo il suo punto di vista, il personal trainer non avrebbe agito da solo, ma si sarebbe fatto aiutare da un complice.‍‍[6]‍‍[7]

Nei mesi successivi, al termine delle indagini, l'ex poliziotto fu rinviato a giudizio in rito abbreviato per i reati di omicidio volontario con le aggravanti dei futili motivi, occultamento di cadavere, crudeltà e sevizie.‍‍[3] Il 6 marzo 2020 la Corte d'Assise di Civitavecchia lo aveva condannato a 17 anni di reclusione. Il verdetto escluse l'aggravante della crudeltà e riconobbe all'imputato le attenuanti generiche.‍‍[8][9] Il 15 aprile 2021 la Corte d'Appello di Civitavecchia confermò la sentenza di primo grado.‍‍[10]

Note

  1. Maria Tanina Momilia trovata morta, si indaga per omicidio. Il Faro Online. Archiviato dall'originale.
  2. Fiumicino, madre di due figli, 39 anni, trovata cadavere in un canale col cranio fracassato. la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  3. a b Tanina, un anno fa l'omicidio che sconvolse la comunità di Fiumicino. Il Faro Online. Archiviato dall'originale.
  4. Fiumicino, donna trovata morta nel canale: confessa il personal trainer. la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  5. Omicidio di Tanina, le "verità" e i dubbi. Il Faro Online. Archiviato dall'originale.
  6. Fiumicino, omicidio di Maria Tanina. Il marito: "Una trappola di De Filippis". IlSussidiario.net. Archiviato dall'originale.
  7. Caso Tanina Momilia, la confessione del personal trainer non convince. Blasting News. Archiviato dall'originale.
  8. Omicidio Maria Tanina Momilia, condannato Andrea De Filippis a 17 anni e 9 mesi. Il Faro Online. Archiviato dall'originale.
  9. Omicidio Tanina Momilia. De Filippis condannato a 16 anni e 9 mesi: ira familiari. IlSussidiario.net. Archiviato dall'originale.
  10. Fiumicino, omicidio di Tanina Momilia: confermata in Appello la condanna per Andrea De Filippis. Il Faro Online. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.