Il femminicidio di Claudia Corrieri a La Briglia di Vaiano

Vittima:
Claudia Corrieri
Killer:
Leonardo Santini
Località:
La Briglia di Vaiano
Data:
17 settembre 2020
La Chiesa di San Pietro a Iolo, frazione di Prato, dove sono stati celebrati i funerali di Claudia Corrieri

La Chiesa di San Pietro a Iolo, frazione di Prato, dove sono stati celebrati i funerali di Claudia Corrieri (di Massimiliano Galardi, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Claudia Corrieri

Uno scorcio panoramico di Vaiano, comune in provincia di Prato dove risiedevano Claudia Corrieri e Leonardo Santini

Uno scorcio panoramico di Vaiano, comune in provincia di Prato dove risiedevano Claudia Corrieri e Leonardo Santini (di MassimilianoGalardi, licenza CC BY-SA 3.0)

Il 17 settembre 2020 Leonardo Santini, 50 anni, si suicidò gettandosi dal ponte sospeso delle Ferriere sul torrente Lima a Mammiano, località del comune di San Marcello Piteglio in provincia di Pistoia.

A lanciare l'allarme intorno a mezzogiorno fu un escursionista di passaggio che aveva notato il cadavere dell'uomo sotto la struttura. Il cinquantenne avrebbe compiuto un volo di circa 35 metri. I Carabinieri della locale stazione informarono i colleghi della provincia di Prato suggerendogli di controllare l'abitazione di Santini per informare la sua compagna del grave accaduto.

Entrati nell'appartamento situato a La Briglia, frazione di Vaiano, a circa 60 Km di distanza dal luogo del suicidio, i militari avevano rinvenuto il corpo senza vita di Claudia Corrieri, 38 anni. La donna era originaria di Iolo, una frazione della città di Prato.‍‍[1]‍‍[2]

Sin da subito l'episodio si configurò come un caso di omicidio-suicidio. Santini, durante una violenta lite, aveva prima ucciso la compagna all'interno dell'abitazione, poi si diresse a San Marcello per togliersi la vita gettandosi dal ponte sospeso.

L'esame autoptico rilevò sulla salma della vittima diverse ferite d'arma da taglio e varie lesioni alla testa compatibili con un oggetto contundente, presumibilmente un martello. Gli investigatori non sarebbero riusciti a recuperare le armi utilizzate per sferrare l'aggressione mortale. La donna si sarebbe difesa nel tentativo di sottrarsi alla furia omicida, poiché l'uomo presentava una lesione alla mano non riconducibile alla caduta dall'alto in seguito al gesto estremo.

La coppia aveva una bambina di due anni. Inizialmente si presuppose che la piccola si trovasse a casa dei nonni paterni durante il delitto. Nel corso delle indagini però fu notato che le telecamere di videosorveglianza della zona circostante avrebbero inquadrato una sola volta l'auto del cinquantenne che si allontanava dall'abitazione la mattina del 17 settembre.

La Chiesa di San Pietro a Iolo, frazione di Prato, dove sono stati celebrati i funerali di Claudia Corrieri

La Chiesa di San Pietro a Iolo, frazione di Prato, dove sono stati celebrati i funerali di Claudia Corrieri (di Massimiliano Galardi, licenza CC BY-SA 3.0)

Dettaglio che rivelerebbe uno scenario differente, ovvero che l'uomo avrebbe compiuto l'omicidio mentre la figlia era in casa, poi aveva caricato in macchina la bambina per portala a casa dei genitori. L'aggressione alla compagna sarebbe avvenuta alle prime luci dell'alba o durante la notte tra il 16 e il 17 settembre.‍‍[3]

Le motivazioni del gesto furono scoperte dai Carabinieri in un biglietto trovato in serata all'interno dell'appartamento, diverse ore dopo la scoperta del cadavere della trentottenne. In poche righe Santini avrebbe fatto riferimento alle criticità della convivenza fra lui e la compagna, oltre al timore che lei, in un eventuale separazione, avesse potuto ottenere l'affidamento della figlia allontanandola dal padre.

Secondo le ricostruzioni, la relazione fra i due stava attraversando un periodo di crisi. Circostanza che troverebbe conferma nelle testimonianze dei vicini di casa che, nelle settimane precedenti al drammatico episodio, li sentivano litigare frequentemente. Non fu escluso tuttavia che a peggiorare quella difficile situazione fosse stata anche la condizione lavorativa del cinquantenne, che da diversi mesi era rimasto disoccupato.‍‍[4]‍‍[5]

Note

  1. Tragedia a Vaiano: uccide la compagna, poi si suicida gettandosi dal ponte sospeso. notiziediprato.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 18 settembre 2020.
  2. Vaiano, 50enne uccide la compagna poi si getta dal ponte sospeso di San Marcello Pistoiese. TV Prato · Archiviato dall'originale. Consultato il 18 settembre 2020.
  3. Femminicidio Vaiano, l'autopsia: Claudia uccisa con violenza cieca. E la bambina era in casa. notiziediprato.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 23 settembre 2020.
  4. Uccide a coltellate la compagna, poi si getta dal ponte sospeso. la Nazione · Archiviato dall'originale. Consultato il 18 settembre 2020.
  5. "Ho paura che mi porti via la bambina": in un biglietto il motivo dell'omicidio-suicidio di Vaiano. Corriere.it · Archiviato dall'originale. Consultato il 19 settembre 2020.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.