Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Juana Cecilia Hazana Loayza a Reggio Emilia

Vittima:
Juana Cecilia Hazana Loayza
Killer:
Mirko Genco
Località:
Reggio Emilia
Data:
20 novembre 2021
La facciata della Chiesa di San Pietro a Reggio Emilia

La facciata della Chiesa di San Pietro a Reggio Emilia (di Maurizio Moro5153, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Juana Cecilia Hazana Loayza

Juana Cecilia Hazana Loayza, 34 anni, è stata trovata morta a Reggio Emilia la mattina di sabato 20 novembre 2021.‍[1]

La facciata della Chiesa di San Pietro a Reggio Emilia

La facciata della Chiesa di San Pietro a Reggio Emilia (di Maurizio Moro5153, licenza CC BY-SA 4.0)

La donna, madre di un figlio di un anno e mezzo, era nata a Lima (capitale del Perù), ma risiedeva da anni in Italia e lavorava in una cooperativa d'assistenza a Scandiano (Reggio Emilia). Il suo corpo senza vita giaceva in un parco pubblico in fondo a via Patti, a poca distanza dalla propria abitazione dove conviveva insieme alla madre e al figlioletto. Il cadavere fu scoperto da un residente della zona e presentava diverse ferite d'arma da taglio.

I Carabinieri indirizzarono subito i loro sospetti sull'ex compagno della donna: Mirko Genco, 24 anni, residente a Parma, impiegato come venditore porta a porta di contratti per l'energia elettrica.‍[2][3] I militari lo rintracciarono nelle ore seguenti a Reggio Emilia, dove si trovava per lavoro. Sottoposto a fermo di indiziato di delitto, il giovane confessò le proprie responsabilità nel corso dell'interrogatorio in caserma.

Genco non si era rassegnato alla fine della relazione con l'ex compagna, rendendosi autore di molteplici episodi di maltrattamenti. Juana Cecilia lo aveva denunciato tre volte.‍[4] Lui fu arrestato il precedente 5 settembre per atti persecutori. Il 6 settembre, dopo la convalida dell'arresto, fu scarcerato e sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla vittima. Il 10 settembre però venne nuovamente arrestato per violazione di domicilio e ulteriori atti vessatori nei confronti della trentaquattrenne.‍[5][6]

Il 23 settembre fu sottoposto agli arresti domiciliari. Il 3 novembre, al termine del processo per stalking, aveva patteggiato una condanna a due anni con sospensione condizionale della pena concordando di intraprendere un percorso riabilitativo presso l'azienda sanitaria locale di Parma. Il giorno dopo era tornato in libertà.

Secondo le ricostruzioni, la sera del 19 novembre Genco avrebbe rintracciato la vittima tramite una foto postata da lei su Instagram che la ritraeva insieme ad altri conoscenti in un locale di Reggio Emilia, luogo in cui lui si recò successivamente per incontrarla.‍[7][8] Il giovane si sarebbe offerto di accompagnarla a casa. Nel corso della notte, lungo il tragitto a piedi verso l'abitazione di lei, il ventiquattrenne l'avrebbe aggredita, strangolandola.‍[9] Genco aveva persino registrato un audio sul proprio smartphone, della durata di quasi un'ora, per documentare l'incontro avuto con la donna. Il file venne consegnato dallo stesso indiziato agli investigatori.‍[10][11]

Secondo quanto riferito dal reo confesso agli inquirenti, Juana Cecilia sarebbe rimasta in vita, seppur incosciente, riversa in un'aiuola del parco. Lui avrebbe rovistato nella borsetta di lei, si sarebbe impossessato delle chiavi di casa e sarebbe salito nell'appartamento dove in quel momento stavano dormendo la madre e il figlioletto della vittima (nato dalla relazione con un precedente ex compagno).

Lì il malintenzionato avrebbe prelevato un coltello, usato per dare il colpo di grazia alla donna, sgozzata dopo essere sceso e ritornato da lei. In seguitò il ventiquattrenne si allontanò dal posto.‍[12] L'arma da taglio utilizzata per il delitto fu recuperata la mattina seguente dai militari, a poca distanza dal cadavere della sudamericana.

Uno scorcio panoramico dall'alto di Reggio Emilia

Uno scorcio dall'alto di Reggio Emilia (di Paolo Picciati, licenza CC BY-SA 3.0)

Il reo confesso fu condotto in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato dai futili motivi, dalla minorata difesa della vittima e dalla recidiva dello stalking.‍[13] Genco nel 2020 era stato denunciato anche da un'altra ex compagna moldava con cui viveva a Parma. In merito a quella vicenda non furono emesse misure cautelari, ma la donna fu allontanata da lui e collocata in una struttura protetta.‍[14]

Nell'interrogatorio di garanzia effettuato il 23 novembre 2021 il ventiquattrenne si avvalse della facoltà di non rispondere davanti al giudice per le indagini preliminari.‍[15][16] Per il giovane fu confermata la custodia cautelare in carcere ravvisando il rischio di reiterazione del reato. Oltre all'omicidio volontario aggravato, furono contestate anche la violenza sessuale (avrebbe costretto la vittima a subire un rapporto), la rapina (per aver rubato le chiavi di casa di lei), violazione di domicilio (per essersi introdotto nell'abitazione di lei a prelevare l'arma del delitto) e il porto abusivo d'armi.‍[17]

Nel marzo del 2022, in seguito alla chiusura della indagini, nei confronti di Genco fu disposto il giudizio immediato.‍[18]

La madre del reo confesso fu vittima di femminicidio. Si chiamava Alessia Della Pia e aveva 39 anni. Fu aggredita dall'ex convivente, Mohamed Jella, nel dicembre del 2015.‍[19] L'uomo, 30 anni, originario della Tunisia, l'aveva pestata di botte in casa a Parma fino a farle perdere la vita. Fu il presunto killer ad avvisare i soccorsi per poi fuggire nel paese d'origine. Venne arrestato un anno e mezzo dopo, nel 2017 in Tunisia, ma non fu estradato in Italia.‍[20][21]

Note

  1. Via Patti, donna uccisa a coltellate trovata in un parco. Reggiosera. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 novembre 2021.
  2. Reggio Emilia: donna trovata morta in un parco, ex fermato per omicidio. LaPresse. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 novembre 2021.
  3. Reggio, donna di 34 anni trovata morta accoltellata nel parco in via Patti: fermato l'ex compagno. 24Emilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 novembre 2021.
  4. Caso Juana Cecilia, l'amico: "Omicidio di stato". Sabrina Scampini: "I giudici...". IlSussidiario.net. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 novembre 2021.
  5. Strage femminicidi, donna uccisa a coltellate dall'ex fidanzato già arrestato pochi mesi fa. Il Riformista. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 novembre 2021.
  6. Donna uccisa al parco, fermato con l'accusa di omicidio un 24enne di Parma. Reggiosera. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 novembre 2021.
  7. L'omicidio di via Patti: una foto su Instagram, così Genco ha trovato Juana per poi ucciderla. Reggionline. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 novembre 2021.
  8. Omicidio a Reggio Emilia, Cecilia sgozzata per una foto. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 novembre 2021.
  9. Omicidio Reggio Emilia, uccisa al parco: fermato l'ex. Adnkronos. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 novembre 2021.
  10. Omicidio di Reggio Emilia, Mirko Genco ha registrato la notte del delitto. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 26 novembre 2021.
  11. "Volevo tenere la sua voce in ricordo dell'ultimo giorno". Gazzetta di Reggio. Archiviato dall'originale. Consultato il 28 novembre 2021.
  12. "Nonna e bimbo dormivano, io ho preso il coltello": la confessione di Genco. Reggionline. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 novembre 2021.
  13. Omicidio a Reggio Emilia, Genco perseguitava Juana da giorni. CorrierediBologna. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 novembre 2021.
  14. Il parmigiano arrestato per l'omicidio della peruviana era stato denunciato nel 2020 da un'altra ex compagna di Parma. Gazzetta di Parma. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 novembre 2021.
  15. Nessun pentimento: le telecamere confermano i dettagli dell'orrore. Reggionline. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 novembre 2021.
  16. Juana Cecilia uccisa a Reggio: nessuna dichiarazione di pentimento da Mirko Genco. Gazzetta di Parma. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 novembre 2021.
  17. Omicidio di Reggio Emilia, Genco resta in carcere: "Voleva averla o ucciderla". ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 novembre 2021.
  18. Omicidio di Juana Cecilia, giudizio immediato. Genco rischia la condanna all'ergastolo. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 1º aprile 2022.
  19. Omicidio a Reggio Emilia, la madre del killer fu vittima di un femminicidio. TGCOM24. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 novembre 2021.
  20. Omicidio a Reggio Emilia, Mirko Genco è figlio di una vittima di femminicidio. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 novembre 2021.
  21. Mirko Genco, la nonna: "Sconvolto dall'uccisione della madre". ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 novembre 2021.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.