Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Alessia Della Pia a Parma

Vittima:
Alessia Della Pia
Presunto killer:
Mohammed Jella
Località:
Parma
Data:
6 dicembre 2015
La Chiesa di San Lazzaro a Parma dove sono stati celebrati i funerali di Alessia Della Pia

La Chiesa di San Lazzaro a Parma dove sono stati celebrati i funerali di Alessia Della Pia (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Alessia Della Pia

Alessia Della Pia, 39 anni, era stata trovata morta nel primo pomeriggio del 6 dicembre 2015 nei pressi dell'abitazione dove risiedeva in zona Cinghio Sud, nel quartiere Montanara della città di Parma.‍[1]

La Chiesa di San Lazzaro a Parma dove sono stati celebrati i funerali di Alessia Della Pia

La Chiesa di San Lazzaro a Parma dove sono stati celebrati i funerali di Alessia Della Pia (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Ad allertare i soccorsi fu il suo compagno, Mohammed Jella, tunisino di 27 anni, che si rese irreperibile dopo aver telefonato al 118.‍[2] Il giovane aveva diversi precedenti per rapina, ricettazione, droga e violenza. Fu condannato per rapina e ricevette un ordine di espulsione da eseguire a pena espiata. Un provvedimento mai eseguito dalle autorità locali.

Dopo la morte della convivente fu emesso nei confronti del ventisettenne un mandato di cattura internazionale con l'accusa di omicidio volontario. Le ricerche condotte da Carabinieri e Polizia non ebbero successo. Si scoprì nelle settimane seguenti che Jella era fuggito nel paese d'origine.‍[3][4]

Secondo le ricostruzioni, la coppia si era trasferita da poche settimane nell'alloggio al secondo piano di una struttura gestita dall'Acer (Azienda Casa dell'Emilia Romagna). La vittima fu pestata di botte nell'appartamento, immersa nella vasca da bagno e infine trascinata sul pavimento e portata, tramite l'ascensore, nell'androne del palazzo dove fu abbandonata esanime prima che il compagno facesse perdere le proprie tracce. Il cadavere presentava numerosi lividi ed ecchimosi, segni di una reiterata ed efferata violenza.

L'autopsia aveva stabilito il decesso per emorragia interna. La vittima sarebbe stata percossa ripetutamente a calci, pugni, botte e colpi da oggetti contundenti, tra cui un mattarello e l'asta di una tenda. Il giovane l'avrebbe persino calpestata con tutto il suo peso. Una brutale violenza che lasciò segni su tutto il corpo e causò la frattura di alcuni denti e diversi traumi al volto. Il cuore della donna non resse alle ferite interne che causarono uno scompenso cardiocircolatorio.‍[5] Tali evidenze portarono gli inquirenti a contestare l'aggravante della crudeltà.‍[6]

Uno scorcio del Piazzale Santafiora a Parma. Sullo sfondo il Palazzo Pallavicino.

Uno scorcio del Piazzale Santafiora a Parma. Sullo sfondo il Palazzo Pallavicino (di Parma1983, licenza CC BY-SA 4.0).

Un anno e mezzo dopo, nel maggio del 2017, fu reso noto che la Polizia di Tunisi, capitale della Tunisia, aveva catturato e condotto in carcere il latitante.‍[7] Tuttavia Jella non venne trasferito in Italia poiché la convenzione tra i due paesi, sottoscritta negli anni '60, non prevedeva l'estradizione, ma soltanto che "venissero perseguiti i cittadini che commettano nell'altro Stato infrazioni giudicate come crimine o delitto". Dunque tutta la documentazione relativa alle indagini, già chiuse, fu trasmessa dalla Procura di Parma alle autorità tunisine, che si sarebbero impegnate a processare il giovane.‍[8][9]

Nel novembre del 2021 il figlio della vittima fu autore di un femminicidio. Si chiamava Mirko Genco e aveva 24 anni. Aggredì a coltellate l'ex compagna in strada, Juana Cecilia Hazana Loayza, madre di un bambino di un anno e mezzo avuto da una precedente relazione. Il ventiquattrenne era stato già denunciato dalla vittima e aveva ricevuto una condanna per stalking.

Dopo aver tolto la vita alla donna nel corso della notte tra il 19 e il 20 novembre, ne aveva abbandonato il corpo in un parco pubblico a Reggio Emilia. Il cadavere fu scoperto la mattina seguente da un residente nelle vicinanze. Il ragazzo fu fermato dai Carabinieri nelle ore successive e confessò il delitto.‍[10][11]

Note

  1. Alessia, picchiata e uccisa: un altro femminicidio a Parma. la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  2. Delitto al Montanara, il convivente ricercato per omicidio volontario. la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  3. Donna uccisa a Parma, convivente in fuga. Contro di lui c'era ordine espulsione. Il Fatto Quotidiano. Archiviato dall'originale.
  4. "Tunisia non collabora alle ricerche": il femminicidio di Alessia diventa un caso politico. la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  5. La lunga autopsia sul corpo di Alessia: ogni dettaglio conta. la Repubblica. Archiviato dall'originale.
  6. Omicidio Alessia Della Pia. L'ex compagno Jella ancora in fuga, riconosciuta l'aggravante della crudeltà. IlSussidiario.net. Archiviato dall'originale.
  7. Omicidio di Alessia Della Pia: Mohamed Jella arrestato in Tunisia. ParmaPress24. Archiviato dall'originale.
  8. Omicidio Alessia Della Pia: Mohamed Jella verrà processato in Tunisia. L'eco di Parma. Archiviato dall'originale.
  9. Omicidio di Alessia Della Pia, niente estradizione per Jella. Verrà processato in Tunisia. ParmaPress24. Archiviato dall'originale.
  10. Reggio Emilia, l'uomo accusato dell'omicidio di Juana Cecilia Hazana Loayza è figlio di una vittima di femminicidio. Il Fatto Quotidiano. Archiviato dall'originale.
  11. Omicidio a Reggio Emilia, la madre del killer fu vittima di un femminicidio. TGCOM24. Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.