Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Eliana Maiori Caratella a Miglianico

Vittima:
Eliana Maiori Caratella
Killer:
Giovanni Carbone
Località:
Miglianico
Data:
19 dicembre 2022
La Chiesa di Sant'Alfonso Maria de' Liguori a Francavilla al Mare in provincia di Chieti dove sono stati celebrati i funerali di Eliana Maiori Caratella

La Chiesa di Sant'Alfonso Maria de' Liguori a Francavilla al Mare (Chieti) dove sono stati celebrati i funerali di Eliana Maiori Caratella (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Voce su Eliana Maiori Caratella

Uno scorcio panoramico sul borgo di Miglianico in provincia di Chieti

Uno scorcio panoramico sul borgo di Miglianico (di Alessandro Cataldo, licenza CC BY-SA 2.5)

Eliana Maiori Caratella, 41 anni, è stata uccisa dal compagno Giovanni Carbone, 39 anni, nel corso della mattinata del 19 dicembre 2022 nell'abitazione in cui la donna risiedeva a Miglianico in provincia di Chieti.‍[1]

La quarantunenne era un'impiegata bancaria e madre di due figli. Originaria del capoluogo teatino, era anche conosciuta a Francavilla al Mare dove viveva parte della sua famiglia. Dopo essersi separata dal marito, da circa un anno aveva intrapreso una nuova relazione con Carbone. I due convivevano a Miglianico unitamente ai due figli di lei (avuti dal precedente matrimonio). Il trentanovenne, dopo aver commesso il delitto, si è recato dai Carabinieri. Dinanzi ai militari ha confessato le proprie responsabilità, poi si è chiuso nel silenzio avvalendosi della facoltà di non rispondere.

Quando i Carabinieri sono arrivati sul luogo dell'omicidio, hanno trovato il corpo senza vita della quarantunenne all'interno dell'appartamento. Sarebbe stata raggiunta da un colpo di pistola al volto. L'aggressione probabilmente avvenuta al culmine di una violenta lite. La vittima avrebbe provato, invano, a fuggire.‍[2] I due figli della donna non si trovavano in casa: erano già usciti per andare a scuola.

La Beretta calibro 9 usata per compiere l'omicidio non era regolarmente detenuta.‍[3][4] Al trentanovenne, oltre all'accusa di omicidio volontario, è stata contestata anche la detenzione e il porto illegale d'arma da fuoco, nonché la ricettazione della stessa, in quanto provento di furto, con la recidiva reiterata, specifica e infraquinquennale. In passato l'uomo era stato denunciato da persone terze per minacce, proprio attraverso l'utilizzo di una pistola.‍[5]

La Chiesa di Sant'Alfonso Maria de' Liguori a Francavilla al Mare in provincia di Chieti dove sono stati celebrati i funerali di Eliana Maiori Caratella

La Chiesa di Sant'Alfonso Maria de' Liguori a Francavilla al Mare (Chieti) dove sono stati celebrati i funerali di Eliana Maiori Caratella (su concessione di BeWeB - Beni Culturali Ecclesiastici in Web)

Nell'interrogatorio di garanzia, svolto il successivo 22 dicembre, Carbone avrebbe riferito di problematiche, connesse al divorzio tra la vittima e il suo precedente compagno, che lo avrebbero "esasperato" nonostante il rapporto tra lui e la convivente fosse soddisfacente. L'uomo avrebbe anche espresso più volte la volontà di suicidarsi, tanto che sarebbe stata sua intenzione togliersi la vita già dopo aver commesso il delitto ma, non avendo avuto il coraggio di farlo, si era recato dai Carabinieri. Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo.‍[6][7]

La sera dello stesso 22 dicembre è stata comunicata la notizia che il trentanovenne si è suicidato. Si sarebbe impiccato nella cella del carcere di Lanciano dove era detenuto. Il gesto avvenuto nonostante fosse sotto stretta sorveglianza a causa dei reiterati propositi di togliersi la vita.‍[8][9]

Note

  1. Donna uccisa in casa, preso l'assassino. Il Centro. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 dicembre 2022.
  2. Eliana uccisa con un colpo di pistola, arrestato il compagno 39enne. AbruzzoWeb. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 dicembre 2022.
  3. Tragedia Miglianico, il compagno: "Non volevo fuggire". Udienza di convalida in video conferenza. Rete8. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 dicembre 2022.
  4. Femminicidio, l'assassino chiuso nel silenzio. Il Centro. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 dicembre 2022.
  5. Femminicidio: oggi killer davanti al gip. D'Agostino (Pari Opportunità): "Ha fallito lo Stato". AbruzzoWeb. Archiviato dall'originale. Consultato il 21 dicembre 2022.
  6. Femminicidio Miglianico, l'avvocato dell'uomo che ha sparato: "Conflittualità con l'ex marito". ChietiToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 dicembre 2022.
  7. Lanciano: Carbone ha ucciso Eliana per esasperazione, parla l'avvocato difensore. Telemax. Archiviato dall'originale. Consultato il 22 dicembre 2022.
  8. Matera, si uccide in carcere dopo aver ucciso la moglie nel Chietino. La Gazzetta del Mezzogiorno. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 dicembre 2022.
  9. L'omicida di Eliana si è ucciso in carcere. Rete8. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 dicembre 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.