Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Moglie di E.N. a Motta Santa Lucia

Vittima:
Moglie di E.N.
Killer:
E.N.
Località:
Motta Santa Lucia
Data:
15 gennaio 2022
Uno scorcio di Piazza Castello a Motta Santa Lucia in provincia di Catanzaro

Uno scorcio di Piazza Castello a Motta Santa Lucia in provincia di Catanzaro (del Comune di Motta Santa Lucia)

Voce su Moglie di E.N.

Una donna di 40 anni, originaria del Marocco, la cui identità è rimasta sconosciuta, è stata uccisa dal marito nel corso della tarda serata del 15 gennaio 2022 a Motta Santa Lucia, piccolo borgo del Lametino in provincia di Catanzaro.‍[1][2]

L'uomo, E.N., 49 anni, anche lui marocchino, dopo il delitto ha rivelato quanto commesso al proprio datore di lavoro. Quest'ultimo ha così avvertito i Carabinieri, che si sono precipitati nell'abitazione della coppia e hanno trovato il corpo senza vita della vittima, all'interno della camera da letto.

Uno scorcio di Piazza Castello a Motta Santa Lucia in provincia di Catanzaro

Uno scorcio di Piazza Castello a Motta Santa Lucia in provincia di Catanzaro (del Comune di Motta Santa Lucia)

Il 49enne era un operaio, da poco assunto da un'impresa edile del posto. Si era trasferito a Motta Santa Lucia insieme alla moglie da circa due mesi. Secondo le ricostruzioni, l'omicidio sarebbe avvenuto al culmine di un violento litigio. La donna sarebbe morta per asfissia, probabilmente per strangolamento.‍[3][4]

Il quarantanovenne è stato fermato e condotto in carcere. Nell'interrogatorio di garanzia di fronte a giudice per le indagini preliminari ha confessato il delitto. L'uomo avrebbe raccontato che la mancanza di un lavoro fisso e la precaria condizione economica in cui viveva la coppia sarebbero state alla base di continue discussioni fra marito e moglie. Il marocchino ha anche precisato di aver tentato di rianimare la coniuge quando lei aveva perso conoscenza, ma purtroppo non era più riuscita a riprendersi.‍[5][6]

Nei confronti del reo confesso è stata convalidata la custodia cautelare in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato.‍[7]

Note

  1. Soffoca la moglie, poi lo racconta al capo. Femminicidio a Motta Santa Lucia. Gazzetta del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 gennaio 2022.
  2. Soffoca la moglie durante una lite, fermato un 49enne nel Lametino. Il Quotidiano del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 gennaio 2022.
  3. Donna uccisa nella notte nel Lametino, fermato il marito: indagini dei Carabinieri. LaC News24. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 gennaio 2022.
  4. Soffoca la moglie dopo un litigio, 49enne in manette nel Lametino. Corriere della Calabria. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 gennaio 2022.
  5. Convalidato l'arresto dell'uomo che ha strangolato la moglie, il sindaco: "Sembrava una coppia serena". LaC News24. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 gennaio 2022.
  6. Resta in carcere l'uomo accusato di aver ucciso la moglie a Motta Santa Lucia. Calabria7. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 gennaio 2022.
  7. Femminicidio nel Catanzarese, il marito confessa: travolti dalla crisi economica. Il Quotidiano del Sud. Archiviato dall'originale. Consultato il 20 gennaio 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.