Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Donatella Miccoli a Novoli

Vittima:
Donatella Miccoli
Killer:
Matteo Verdesca
Località:
Novoli
Data:
19 giugno 2022
La Chiesa di Sant'Andrea Apostolo a Novoli, in provincia di Lecce, dove sono stati celebrati i funerali di Donatella Miccoli

La Chiesa di Sant'Andrea Apostolo a Novoli dove sono stati celebrati i funerali di Donatella Miccoli (di Lupiae, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Donatella Miccoli

La Chiesa di Sant'Andrea Apostolo a Novoli, in provincia di Lecce, dove sono stati celebrati i funerali di Donatella Miccoli

La Chiesa di Sant'Andrea Apostolo a Novoli dove sono stati celebrati i funerali di Donatella Miccoli (di Lupiae, licenza CC BY-SA 3.0)

Donatella Miccoli, 38 anni, è stata trovata morta all'interno della sua abitazione a Novoli, comune Salentino della provincia di Lecce, nel corso della notte tra il 18 e il 19 giugno 2022.‍[1][2]

La vittima è stata uccisa a coltellate. A compiere il delitto è stato il marito Matteo Verdesca, 38 anni, che dopo l'omicidio si è dato alla fuga, allontanandosi da casa a bordo di un'autovettura. L'uomo aveva avvertito i genitori per dirgli di andare a prendere i figli a casa, poi ha fatto perdere le proprie tracce.

L'aggressione mortale è avvenuta intorno alle ore 2.00 di notte, nell'abitazione dove la coppia risiedeva insieme ai loro due figli, una bambina di 7 anni e un bimbo di 2 anni. I piccoli erano presenti in casa, ma non è chiaro se abbiano assistito o meno al delitto, probabilmente stavano dormendo.

Uno scorcio della Chiesa della Madonna del pane a Novoli in provincia di Lecce

Uno scorcio della Chiesa della Madonna del pane a Novoli in provincia di Lecce (di Lupiae, licenza CC BY-SA 3.0)

A lanciare l'allarme sono stati i vicini che hanno sentito delle forti urla provenire dalla dimora familiare. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della vittima.

La donna, originaria di Mesagne (Brindisi), era impiegata come commessa in un centro commerciale di Surbo (Lecce). Il marito lavorava come corriere per un'azienda di consegna pacchi. L'uomo aveva anche un altro figlio di 18 anni, nato da una precedente relazione.‍[3]

Verdesca, nelle ore successive, è stato trovato morto suicida. Si era dato fuoco all'interno dell'auto con cui era fuggito, nelle campagne tra Novoli e Campi Salentina (Lecce).‍[4] L'esame autoptico sulla salma della vittima ha rilevato circa 6 lesioni d'arma da taglio, inferte nella parte superiore del corpo, di cui una al collo risultata fatale. La donna avrebbe tentato di difendersi nel corso dell'aggressione.‍[5]

Note

  1. Le urla, poi il dramma: uccisa in casa una 38enne. Marito si dà alla fuga, ritrovato carbonizzato. Corriere Salentino. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 giugno 2022.
  2. Novoli, uccide la moglie a coltellate, si dà alla fuga e poi si uccide. La Gazzetta del Mezzogiorno. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 giugno 2022.
  3. Femminicidio Novoli: sindaco, scioccato da questa tragedia. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 giugno 2022.
  4. "Ho fatto un casino...", uccide la moglie, scappa e si toglie la vita . Tragedia a Novoli. Leccenews24. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 giugno 2022.
  5. Omicidio-suicidio, l'autopsia: Donatella uccisa con sei coltellate. Domani i funerali della coppia. Corriere Salentino. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 giugno 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.