Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Nevila Pjetri a Marinella di Sarzana

Vittima:
Nevila Pjetri
Presunto killer:
Daniele Bedini
Località:
Marinella di Sarzana
Data:
5 giugno 2022
Uno scorcio del Parmignola a Marinella di Sarzana. Sullo sfondo le Alpi Apuane

Uno scorcio del Parmignola a Marinella di Sarzana. Sullo sfondo le Alpi Apuane (di Pampuco, licenza CC BY-SA 4.0).

Voce su Nevila Pjetri

Uno scorcio del Parmignola a Marinella di Sarzana. Sullo sfondo le Alpi Apuane

Uno scorcio del Parmignola a Marinella di Sarzana. Sullo sfondo le Alpi Apuane (di Pampuco, licenza CC BY-SA 4.0).

Il corpo senza vita di Nevila Pjetri, 35 anni, è stato trovato nel corso della notte tra il 4 e il 5 giugno 2022 nei pressi del greto del torrente Parmignola a Marinella, frazione litoranea del comune di Sarzana in provincia di La Spezia, non molto distante da Luni e Carrara al confine tra Liguria e Toscana.‍[1]

La vittima, originaria dell'Albania, era spostata da circa un anno e risiedeva con il marito connazionale ad Alteta, una frazione della città di Massa. Il coniuge non è stato indiziato per il delitto: al momento dei fatti si trovava a casa.‍[2][3] A suo dire, la moglie era impiegata in un campeggio. Tuttavia, secondo le ricostruzioni degli inquirenti, la donna era conosciuta nelle province di La Spezia e Massa-Carrara per l'attività di prostituzione. Nonostante ciò, il marito aveva riferito di non esserne al corrente e di non essersi mai insospettito delle assenze e dei rientri a tarda ora della trentacinquenne.‍[4][5]

A segnalare il cadavere della vittima lungo il torrente Parmignola sarebbero stati alcuni magrebini che si aggiravano nei dintorni. Gli stessi avrebbero anche visto un individuo che trascinava un corpo. Sul posto sono giunti gli agenti del commissariato di Sarzana che hanno notato il cadavere della donna, seminudo, in una pozza di sangue.

Il corpo presentava diverse lesioni. La trentacinquenne sarebbe stata aggredita al culmine di un diverbio, degenerato nell'omicidio. Probabile che la violenza si sia consumata altrove, poi l'aguzzino abbia abbandonato il cadavere dopo averlo trasportato vicino al torrente. Alcune conoscenti della donna avrebbero segnalato alle forze dell'ordine un'auto sulla quale, la sera prima, Nevila era salita.‍[6][7] La borsetta e i due cellulari con i quali la vittima era uscita sono spariti. Il killer li avrebbe rubati.‍[8]

Dopo l'iniziale intervento della Polizia di Sarzana, la Procura ha affidato le attività investigative, per competenza territoriale, ai Carabinieri di Luni. Secondo i risultati dell'autopsia, la trentacinquenne è stata uccisa con tre colpi di arma da fuoco, poche ore prima della segnalazione alle forze dell'ordine. Due proiettili hanno raggiunto il cranio mentre il terzo sarebbe stato esploso in prossimità del naso.‍[9][10]

Il caso sarebbe collegato al rinvenimento di un altro cadavere, sempre a Sarzana, circa 48 ore dopo il ritrovamento del corpo di Nevila. La seconda vittima si chiama Camilla. Si tratta di una transessuale di Albiano Magra (Massa-Carrara), impiegata come parrucchiera, che si prostituiva nella zona di Sarzana.‍[11]

La mattina del 7 giugno i militari hanno fermato un pregiudicato di 32 anni, Daniele Bedini, di professione artigiano e originario di Carrara. Nei suoi confronti sarebbero emersi numerosi gravi indizi. Il giovane è stato condotto in carcere con l'accusa di omicidio volontario. Lui si è difeso, dichiarandosi completamente estraneo ai fatti e riferendo di aver trascorso tutto il sabato sera del 4 giugno in un bar di Marina di Carrara.‍[12] A inchiodare il trentaduenne però ci sarebbero le immagini riprese da diverse telecamere di videosorveglianza, tra cui una posta nei pressi di uno stabilimento balneare di Marinella di Sarzana e un'altra posizionata nelle vicinanze dell'abitazione dell'artigiano.‍[13]

Una registrazione, in particolare, mostrerebbe l'indiziato che fa inginocchiare la signora Pjetri, poi la finisce a colpi di pistola nell'automobile. Il giovane è stato anche indagato per l'omicidio della trans Camilla. Il movente dei delitti potrebbe essere legato alla dipendenza da sostanze stupefacenti: il giovane avrebbe rapinato le vittime per acquistare droga. Gli esami autoptici avrebbero escluso la consumazione di rapporti sessuali.‍[9][10]

Bedini si è avvalso della facoltà di non rispondere nell'interrogatorio di garanzia di fronte al giudice per le indagini preliminari. Il trentaduenne avrebbe già dovuto essere in cella per scontare una condanna definitiva a tre anni di reclusione per una rapina a mano armata commessa nel 2018. L'imputato avrebbe usato una pistola per rapinare una sala slot di Fassola, frazione di Carrara.‍[14][15]

Il gip non ha convalidato il fermo a causa di un vizio di forma riguardante gli orari del provvedimento, ma è stata comunque disposta la permanenza in carcere di Bedini per il rischio di reiterazione del reato in considerazione dei suoi precedenti per rapina e droga. Il trentaduenne sarebbe comunque stato recluso per la precedente condanna a suo carico. L'arma utilizzata, una pistola calibro 22, non è stata rivenuta.‍[16][17]

Note

  1. Cadavere di una donna albanese di 35 anni vicino al Parmignola, si indaga per omicidio. Città della Spezia. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 giugno 2022.
  2. Donna uccisa, il dolore del marito: "Non è possibile, l'ho aspettata tutta la notte". lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 giugno 2022.
  3. Prostituta uccisa di botte a Sarzana, caccia al cliente. quotidiano.net. Archiviato dall'originale. Consultato il 6 giugno 2022.
  4. "La mia Nevila una prostituta? Bugie. So solo che era una grande donna". lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 giugno 2022.
  5. "Mia moglie si prostituiva? Non ne sapevo niente": donna ritrovata in lago di sangue, è caccia all'uomo. Il Riformista. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 giugno 2022.
  6. Prostituta uccisa a Marinella di Sarzana, caccia all'assassino. Primocanale.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 giugno 2022.
  7. Marinella di Sarzana, orrore sul greto del torrente: uccisa una donna. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 giugno 2022.
  8. Omicidio di Luni, c'è qualche indizio. Ma spariti borsetta e telefonini di Nevila. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 giugno 2022.
  9. a b L'ha fatta inginocchiare e poi le ha sparato: così Bedini ha ucciso Nevila Pjetri a Sarzana. Fanpage. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2022.
  10. a b Sarzana, l'omicidio della prostituta ripreso in diretta da una telecamera: "È stata un'esecuzione". Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'11 giugno 2022.
  11. Prostituta uccisa a Sarzana, un indagato per omicidio volontario. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 giugno 2022.
  12. Omicidi di Sarzana: le indagini, l'alibi del fermato, i cellulari. Gli aggiornamenti. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 giugno 2022.
  13. Omicidi di Sarzana: tra delirio e negligenze ritrovati i documenti della trans Camilla. Liguria.Today. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 giugno 2022.
  14. Omicidi di Sarzana, sub nel torrente alla ricerca dei telefoni delle vittime. Primocanale.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 giugno 2022.
  15. Killer delle prostitute, dopo Nevila Bedini indagato anche per l'omicidio di Camilla. Primocanale.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 giugno 2022.
  16. Omicidi Sarzana, "È arrivato da me in piena notte, aveva la camicia sporca di sangue". lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 giugno 2022.
  17. Sarzana, nella casa di Bedini trovati documenti della trans Camilla. lanazione.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 12 giugno 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.