Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Naima Zahir a Lentini

Vittima:
Naima Zahir
Presunto killer:
Massimo Cannone
Località:
Lentini
Data:
12 marzo 2022
Uno scorcio panoramico della Moschea di Hassan II sulla costa di Casablanca, città d'origine di Naima Zahir in Marocco

Uno scorcio panoramico della Moschea di Hassan II sulla costa di Casablanca, città d'origine di Naima Zahir in Marocco (di Errammani Abderrazak, modificato da Susanna Ånäs, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Naima Zahir

Naima Zahir, 45 anni, è stata trovata morta nel corso della serata di sabato 12 marzo 2022 all'interno dell'abitazione dove risiedeva nel quartiere di Santa Mara Vecchia a Lentini, comune della provincia di Siracusa. La donna era originaria di Casablanca, città sulla costa occidentale del Marocco. Da molti anni si era trasferita in Sicilia. Era sposata da circa 25 anni con un tappezziere del posto, Massimo Cannone, 45 anni. Con loro conviveva anche il figlio di 19 anni.‍[1]

La facciata della Chiesa Madre di Santa Maria la Cava e Sant'Alfio a Lentini in provincia di Siracusa

La facciata della Chiesa Madre di Santa Maria la Cava e Sant'Alfio a Lentini in provincia di Siracusa (di Azotoliquido, licenza CC BY-SA 3.0)

Ad allertare i soccorsi era stato un parente della coppia, avvertito proprio da Cannone che gli aveva riferito di aver trovato la coniuge esanime nell'appartamento. Gli agenti di Polizia giunti in casa constatarono la presenza del corpo senza vita della vittima. Per lei non c'era altro da fare che constatare il decesso. Il marito si mostrò confuso alla vista dei poliziotti. In un primo momento avrebbe parlato di un incidente, poi avrebbe accennato a un suicidio da parte della moglie.

L'uomo fu condotto nel commissariato di Lentini dove venne trattenuto fino al giorno successivo. Agli agenti aveva continuato a fornire la propria versione dei fatti, ma gli inquirenti rimasero perplessi.‍[2][3] Furono anche ascoltati conoscenti e parenti della coppia, tra cui il figlio di 19 anni che però non sarebbe stato presente in casa nel momento della scoperta del cadavere. Alle forze dell'ordine non risultavano denunce pregresse per maltrattamenti domestici.

Massimo Cannone venne poi rilasciato a piede libero, seppur formalmente indagato dalla Procura. Il pomeriggio del 14 marzo fu intervistato in diretta da un inviato del programma televisivo Ore 14 su Rai 2. Il quarantacinquenne aveva raccontato la propria ricostruzione dei fatti, dichiarando che lui la sera del 12 marzo era uscito di casa insieme al figlio per svolgere delle faccende. Quando un'ora dopo era rientrato da solo nell'abitazione, aveva trovato la coniuge esanime sul letto con un coltello conficcato in gola.

Uno scorcio panoramico della Moschea di Hassan II sulla costa di Casablanca, città d'origine di Naima Zahir in Marocco

Uno scorcio panoramico della Moschea di Hassan II sulla costa di Casablanca, città d'origine di Naima Zahir in Marocco (di Errammani Abderrazak, modificato da Susanna Ånäs, licenza CC BY-SA 4.0)

Cannone le aveva tolto la lama dal collo e aveva tentato di rianimarla, ma la vittima era già morta. In quei concitati frangenti non chiamò i soccorsi dicendo di "essere andato in tilt". Fu poi un parente ad avvisare le forze dell'ordine. Nel frattempo con uno straccio aveva pulito le tracce di sangue presenti nella stanza da letto, inquinando la scena del crimine. Dinanzi alle telecamere aveva paventato l'ipotesi che uno sconosciuto potesse essere entrato in casa per consumare il delitto, oppure che la moglie avesse potuto compiere un gesto estremo.‍[4][5]

La sera del 15 marzo l'uomo fu sottoposto a fermo per omicidio volontario. La Procura emise il provvedimento in sussistenza del pericolo di fuga.‍[6][7] Condotto in commissariato per un nuovo interrogatorio, avrebbe reso una piena confessione del delitto davanti al pubblico magistrato. A inchiodare il tappezziere ci sarebbero stati i risultati dell'autopsia che avevano escluso l'ipotesi del suicidio. Il movente del gesto sarebbe riconducibile ai frequenti litigi nella coppia.‍[8][9]

Secondo le dichiarazioni del quarantacinquenne, la moglie gli avrebbe reso la vita difficile, tanto da sentirsi oppresso. Una situazione che aveva generato una grossa tensione tra i due coniugi, culminata nell'aggressione mortale. La vittima sarebbe stata colta di sorpresa dal marito, in modo da non avere il tempo di difendersi: quando fu raggiunta dai fendenti aveva gli auricolari del cellulare nelle orecchie. L'uomo, dopo l'agguato aveva abbandonato l'abitazione. In quel frangente, sarebbe andato a bere della birra.‍[10][11]

Nel corso dell'interrogatorio di garanzia, il tappezziere avrebbe ribadito la confessione. Il giudice per le indagini preliminari aveva convalidato il fermo nei confronti del quarantacinquenne.‍[12][13]

Note

  1. Omicidio in tarda serata a Lentini. La vittima è una donna. Fermato il marito. Siracusa News. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 marzo 2022.
  2. Lentini, i misteri del femminicidio di Naima: il marito è sospettato ma nega di essere l'assassino. La Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 marzo 2022.
  3. Lentini, femminicidio la morte di Naima. Sospetti sul marito, ma nega quanto accaduto. Radio Una Voce Vicina. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 marzo 2022.
  4. Donna uccisa a casa: marito, ho tolto coltello e pulito sangue. ANSA. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 marzo 2022.
  5. Naima Zahir, marito Massimo: "Le ho tolto il coltello dalla gola". "Cervello in tilt". IlSussidiario.net. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 marzo 2022.
  6. Fermato il marito di Naima, per i pm Massimo Cannone potrebbe fuggire. La Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 marzo 2022.
  7. Donna uccisa a Lentini: fermato il marito. QdS. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 marzo 2022.
  8. Omicidio di Lentini. Il marito ha confessato: "Ho ucciso io Naima". Due fendenti al collo e una birra dopo l'omicidio. Siracusa News. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 marzo 2022.
  9. Morte Naima Zahir, il marito confessa durante la notte: "L'ho uccisa, ero geloso". NewSicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 marzo 2022.
  10. Lentini, il film dell'orrore: va a bere birra dopo aver ripulito il sangue. Live Sicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 marzo 2022.
  11. Lentini, il film dell'orrore: va a bere birra dopo aver ripulito il sangue. BlogSicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 18 marzo 2022.
  12. Lentini, omicidio Naima Zahir. Massimo Cannone ha confermato: "ho ucciso mia moglie mentre diceva che mi amava". Leontinoi News. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 marzo 2022.
  13. Donna uccisa a Lentini, convalidato fermo del marito. BlogSicilia. Archiviato dall'originale. Consultato il 19 marzo 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.