Il femminicidio di Anastasiia Alashri a Fano

Vittima:
Anastasiia Alashri
Presunto killer:
Amrallah Moustafa Mahjoub Alashrj
Località:
Fano
Data:
14 novembre 2022
Uno scorcio di Piazza XX Settembre a Fano in provincia di Pesaro-Urbino

Uno scorcio di Piazza XX Settembre a Fano in provincia di Pesaro-Urbino (su concessione di Depositphotos)

Voce su Anastasiia Alashri

Uno scorcio di Piazza XX Settembre a Fano in provincia di Pesaro-Urbino

Uno scorcio di Piazza XX Settembre a Fano in provincia di Pesaro-Urbino (su concessione di Depositphotos)

Anastasiia Alashri (Анастасія Алашрі) era una ragazza di 23 anni scomparsa nel corso del 13 novembre 2022 da Fano, città in provincia di Pesaro-Urbino dove risiedeva insieme al figlioletto di 2 anni e il marito Amrallah Moustafa Mahjoub Alashrj, 42 anni, dal quale si stava per separare.‍[1]

La mattina 14 novembre la giovane fu trovata morta in un'area rurale della stessa città. A compiere la scoperta furono i Carabinieri che avevano avviato le ricerche, in seguito alla denuncia di scomparsa, presentata il giorno prima da un collega di lavoro della vittima. La ventitreenne, originaria dell'Ucraina, si era trasferita da Kiev a Fano nel marzo del 2022, dopo lo scoppio della guerra nel suo paese, insieme al piccolo figlio e al marito quarantaduenne con doppia nazionalità, ucraina ed egiziana. In Italia, Anastasiia aveva trovato lavoro in un ristorante della città marchigiana.

Sarebbe stato proprio il marito Amrallah Moustafa a segnalare ai militari la posizione in cui rinvenire il corpo senza vita della vittima. Accanto al cadavere era presente anche una borsa, contenente degli indumenti e due armi bianche. La sera del 13 novembre, presumibilmente in procinto di allontanarsi dall'Italia per recarsi all'estero, l'uomo venne rintracciato e bloccato alla stazione ferroviaria di Bologna. I Carabinieri lo sottoposero a fermo di indiziato di delitto.

Negli ultimi tempi il rapporto di coppia tra la ventitreenne e il quarantaduenne si era fortemente incrinato. L'11 novembre, tre giorni prima del ritrovamento del corpo senza vita, la giovane si era rivolta ai Carabinieri per denunciare il convivente, ormai divenuto ex compagno. Anastasiia aveva riferito ai militari di "temere di finire all'ospedale o di essere uccisa". In particolare, la giovane aveva raccontato di essere stata sottoposta a reiterati maltrattamenti da parte del coniuge, iniziati in Ucraina e proseguiti a Fano, dove i due si erano trasferiti nel marzo del 2022.

Uno degli ultimi episodi di violenza si sarebbe verificato circa una settimana prima della sparizione, il 5 novembre, quando l'uomo avrebbe spintonato e colpito la convivente con un pugno, procurandole una contusione al polso con prognosi di 5 giorni. Dopo aver formalizzato la denuncia - secondo le procedure del "Codice Rosso - la giovane doveva essere ascoltata dal Pubblico Ministero entro i tre giorni successivi, ma quest'ultimo non aveva fatto in tempo a convocarla in Procura.‍[2]

Per i continui episodi di maltrattamenti e violenza a cui era sottoposta, Anastasiia aveva manifestato l'intenzione di separarsi dal marito. La giovane aveva così abbandonato l'abitazione coniugale per trasferirsi temporaneamente da un collega di lavoro, con cui da poco si era legata sentimentalmente. Il 13 novembre, però, si era nuovamente recata nella sua precedente dimora per recuperare alcuni effetti personali. All'incontro sul posto con l'ex compagno sarebbe scoppiato un ennesimo diverbio.

Si persero così le tracce della vittima, divenuta irreperibile nelle ore successive, suscitando la preoccupazione dei conoscenti che cercavano invano di mettersi in contatto con lei. A sporgere la denuncia di scomparsa sarebbe stato proprio il nuovo coinquilino e collega di lavoro.

Le indagini condotte dai Carabinieri avevano portato al fermo dell'ex compagno che, nel corso dell'interrogatorio dinanzi ai militari, rivelò la località dove rinvenire il cadavere, poi scoperto nella mattinata del 14 novembre 2022 nelle campagne di Fano.‍[3][4] Secondo le ricostruzioni, l'uomo aveva ucciso la giovane a coltellate. Per l'autopsia, 29 i fendenti sferrati dalla mano omicida. Il corpo fu poi rinchiuso in un trolley e trasportato con un furgone nel punto dove era stato abbandonato.‍[5]

Il successivo 15 novembre, nell'interrogatorio di garanzia, il quarantaduenne avrebbe fornito delle parziali ammissioni, riferendo però di non ricordare di aver ucciso l'ex compagna. Nei suoi confronti, il giudice per le indagini preliminari di Bologna aveva convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare in carcere. Gli atti delle indagini, per competenza territoriale, furono poi trasmessi alla Procura di Pesaro.‍[6]

Nel successivo mese di settembre, l'indiziato fu rinviato a giudizio. L'istanza di rito abbreviato, avanzata dalla difesa, fu respinta. La pubblica accusa contestò il reato di omicidio volontario pluriaggravato, oltre ai maltrattamenti in famiglia, le lesioni aggravate e l'occultamento di cadavere.‍[7][2]

Note

  1. Giovane mamma ucraina uccisa a coltellate, preso l'ex in fuga: il corpo di Anastasia trovato in campagna. Vivere Fano · Archiviato dall'originale. Consultato il 14 novembre 2022.
  2. a b Anastasiia uccisa a Fano con 29 coltellate: il marito a giudizio davanti alla Corte d'Assise. Reati da ergastolo, no al rito abbreviato. Corriere Adriatico · Archiviato dall'originale. Consultato il 17 settembre 2023.
  3. Femminicidio a Fano, chi era Anastasia Alashiri. L'ex marito ad indicare dove si trovava il corpo. CentroPagina · Archiviato dall'originale. Consultato il 14 novembre 2022.
  4. Pesaro, sparita dopo litigio con l'ex: era tornata da lui per fare le valigie. il Resto del Carlino · Archiviato dall'originale. Consultato il 14 novembre 2022.
  5. Femminicidio a Fano: Anastasia uccisa, messa nel trolley e poi abbandonata in campagna. CentroPagina · Archiviato dall'originale. Consultato il 15 novembre 2022.
  6. Femminicidio Fano: fermo convalidato, disposto il carcere. ANSA · Archiviato dall'originale. Consultato il 15 novembre 2022.
  7. Femminicidio di Anastasiia Alashri, rinvio a giudizio per il marito. RaiNews · Archiviato dall'originale. Consultato il 17 settembre 2023.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.