Il femminicidio di Auriane Nathalie Laisne a La Salle

Vittima:
Auriane Nathalie Laisne
Presunto killer:
Teima Sohaib
Località:
La Salle
Data:
5 aprile 2024
Uno scorcio panoramico di La Salle in Valle d'Aosta

Uno scorcio panoramico di La Salle in Valle d'Aosta (di Patafisik, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Auriane Nathalie Laisne

Il corpo senza vita di Auriane Nathalie Laisne, 22 anni, è stato trovato nel corso del pomeriggio del 5 aprile 2024 a La Salle in Valle d'Aosta. A compiere la scoperta sarebbero stati alcuni escursionisti all'interno di un'ex cappella diroccata in località Equilivaz, un villaggio di media montagna abbandonato da anni e ridotto ad un cumulo di rovine.‍[1][2]

Uno scorcio panoramico di La Salle in Valle d'Aosta

Uno scorcio panoramico di La Salle in Valle d'Aosta (di Patafisik, licenza CC BY-SA 3.0)

La giovane era rannicchiata a terra, in posizione fetale, con varie lesioni d'arma da taglio sul corpo. Secondo i sanitari che sono intervenuti sul posto, il decesso era avvenuto per cause violente. L'autopsia ha successivamente stabilito la morte per dissanguamento, causato dalle gravi ferite all'addome e al collo, escludendo di fatto il malore e il suicidio, ritenuti già in precedenza altamente improbabili.‍[3] Il decesso risalirebbe a circa una settimana prima del ritrovamento, probabilmente uccisa tra il 26 e il 27 marzo 2024.

Le forze dell'ordine hanno attivato le ricerche nei confronti del compagno della vittima, un ragazzo italo-egiziano di 21 anni: Teima Sohaib. Costui, in base alle testimonianze, si trovava insieme alla ventiduenne a La Salle. Nathalie lo aveva denunciato per atti di violenza nei mesi precedenti e il sospettato era stato rinviato a giudizio in Francia.‍[4]

Il giovane era stato per anni residente a Fermo,‍[5] nelle Marche, ma era ricercato in Francia dalla fine di marzo 2024 per "violazione del controllo giudiziario", a cui il ventunenne era stato sottoposto in seguito alla denuncia della compagna per violenza domestica e minacce. Nei confronti di Sohaib era stato anche notificato dalla Magistratura francese un divieto di avvicinamento alla vittima.

Nathalie Laisne abitava a Saint-Priest, una cittadina dell'area metropolitana di Lione, situata nella regione francese di Alvernia-Rodano-Alpi. Arrivata in Italia dalla Svizzera, era impegnata in un giro sulle Alpi insieme a Teima Sohaib. Si era fermata in Valle d'Aosta con lui per campeggiare qualche giorno in montagna, probabilmente alla scoperta di luoghi abbandonati, tra cui quello di Equilivaz di La Salle.

Nella serata del 10 aprile 2024 il ventunenne è stato rintracciato e fermato dalla Polizia francese a Grenoble.‍[6][7] Nei suoi confronti è stato contestato il reato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione. Secondo gli inquirenti della Procura di Aosta, Teima Sohaib avrebbe organizzato l'incontro con la giovane per farle del male. Dopo aver compiuto il delitto, avrebbe abbandonato il cadavere per poi fuggire in Francia attraverso il traforo del Monte Bianco.‍[8]

La magistratura italiana ha richiesto l'estradizione del giovane, alla quale il ventunenne non si è opposto, pur respingendo le accuse. Teima Sohaib, attraverso i propri legali, ha riferito di non essere coinvolto nelle vicende che hanno portato alla morte della compagna.‍[9] Poi, il successivo 25 aprile, dinanzi alla Chambre d'Instruction della Corte d'Appello di Grenoble dove si discuteva l'istanza di estradizione, il giovane ha ribadito la sua posizione, negando l'omicidio e precisando di essersi incontrato con la compagna perché lei gli avrebbe mentito, raccontando di aver ritirato la denuncia da cui era scaturito il divieto di avvicinamento.‍[10]

Il 2 maggio 2024 la Chambre d'Instruction della Corte d'Appello di Grenoble ha accolto l'istanza della Procura di Aosta e ha concesso l'estradizione in Italia del sospettato.‍[11] Il giorno successivo lo stesso Tribunale ha condannato Teima Sohaib a 6 mesi di reclusione per maltrattamenti nei confronti di Auriane Nathalie Laisne.‍[12]

Note

  1. Ragazza morta ad Aosta, ipotesi omicidio: "Ferite gravi all'addome". L'uomo che era con lei, il furgone rosso e l'autopsia: cosa sappiamo. Il Gazzettino · Archiviato dall'originale. Consultato l'11 aprile 2024.
  2. Il giallo della 22enne francese trovata morta in una chiesa sconsacrata, il medico legale: "Decesso per cause violente". Open · Archiviato dall'originale. Consultato l'11 aprile 2024.
  3. Aosta, uccisa a coltellate. È una francese di 22 anni. Quotidiano Nazionale · Archiviato dall'originale. Consultato l'11 aprile 2024.
  4. Ragazza uccisa ad Aosta, caccia al presunto killer in Francia: è un giovane italiano di origine egiziana. Era già ricercato per abusi sulla vittima. Il Messaggero · Archiviato dall'originale. Consultato l'11 aprile 2024.
  5. Sohaib Teima: chi è il 21enne arrestato per la ragazza trovata morta in una cappella ad Aosta. Open · Archiviato dall'originale. Consultato l'11 aprile 2024.
  6. Identificata la ragazza uccisa a La Salle. Per la Procura di Aosta è un femmincidio. RaiNews · Archiviato dall'originale. Consultato l'11 aprile 2024.
  7. Ragazza uccisa ad Aosta, arrestato a Lione il sospettato: era già a processo per violenze contro di lei. Corriere.it · Archiviato dall'originale. Consultato l'11 aprile 2024.
  8. Uccisa vicino ad Aosta, pm "fondamentali le testimonianze". ANSA · Archiviato dall'originale. Consultato l'11 aprile 2024.
  9. Omicidio di Aosta, sospettato del femminicidio di La Salle: Ok all'estradizione in Italia. RaiNews · Archiviato dall'originale. Consultato il 17 aprile 2024.
  10. Femminicidio di Aosta, esito estradizione il 2 maggio. ANSA · Archiviato dall'originale. Consultato il 25 aprile 2024.
  11. Teima: concessa l'estradizione. RaiNews · Archiviato dall'originale. Consultato il 2 maggio 2024.
  12. Femminicidio Aosta, 21enne sospettato del delitto condannato per violenze in Francia. Sky Tg24 · Archiviato dall'originale. Consultato il 4 maggio 2024.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.