Il femminicidio di Manuela Petrangeli a Roma

Vittima:
Manuela Petrangeli
Killer:
Gianluca Molinaro
Località:
Roma
Data:
4 luglio 2024
La Chiesa di Santa Maria della Salute nel quartiere Primavalle di Roma, dove sono stati celebrati i funerali di Manuela Pietrangeli

La Chiesa di Santa Maria della Salute nel quartiere Primavalle di Roma, dove sono stati celebrati i funerali di Manuela Pietrangeli (di Pufui PcPifpef, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Manuela Petrangeli

Manuela Pietrangeli, 51 anni, è stata uccisa dall'ex compagno Gianluca Molinaro, 53 anni, il 4 luglio 2024 a Roma.‍[1][2]

L'ingresso della Chiesa di San Paolo della Croce nel quartiere Gianicolese di Roma

L'ingresso della Chiesa di San Paolo della Croce nel quartiere Gianicolese di Roma (di Umberto Rotundo, licenza CC BY 2.0)

L'omicidio si è consumato nel primo pomeriggio in strada, in via degli Orseolo, tra i quartieri Gianicolese e Portuense. Poco prima delle ore 14.00, la vittima era uscita dalla casa di cura "Villa Sandra", dove era impiegata come fisioterapista, e stava per raggiungere la sua automobile per andare a prendere il figlio di 9 anni a casa dei nonni. Percorse poche decine di metri, la donna è stata avvicinata dall'ex compagno a bordo di una vettura.

Sul posto Molinaro ha fermato la macchina, aperto lo sportello, poi si è rivolto alla cinquantunenne e ha sparato verso di lei almeno due colpi con un fucile a canne mozze. Dopodiché il malintenzionato è risalito nella propria auto e si è dato alla fuga. La signora Pietrangeli si è accasciata esanime sull'asfalto.

L'accaduto ha richiamato l'attenzione dei passanti e di alcune colleghe della vittima. Inutili i soccorsi dei sanitari intervenuti successivamente sul luogo del delitto.‍[1] La donna era stata raggiunta da due colpi, esplosi a distanza ravvicinata: uno al braccio e l'altro, fatale, al cuore.‍[3]

Molinaro si è reso irreperibile e avrebbe vagato per circa un'ora lungo le strade della periferia nord-ovest della Capitale, poi si è costituito alla caserma dei Carabinieri della compagnia "Eur".‍[4] Ai militari ha anche consegnato l'arma da fuoco con cui ha tolto la vita all'ex compagna. Il fucile non era regolarmente detenuto e aveva la matricola illeggibile. Dopo aver fornito le prime ammissioni agli inquirenti, l'uomo si è chiuso nel silenzio e non ha saputo spiegare la dinamica dell'accaduto.

Il cinquantatreenne aveva precedenti per stalking su un'altra donna. Prima di consegnarsi alle forze dell'ordine, Molinaro avrebbe pensato al suicidio e ha chiamato una precedente compagna (madre della sua prima figlia), dicendole: "Le ho sparato, spero sia morta", in riferimento alla fisioterapista appena uccisa. La donna al telefono, nel corso di una lunga conversazione, lo ha convinto a recarsi dai Carabinieri per costituirsi.‍[5][6]

La Chiesa di Santa Maria della Salute nel quartiere Primavalle di Roma, dove sono stati celebrati i funerali di Manuela Pietrangeli

La Chiesa di Santa Maria della Salute nel quartiere Primavalle di Roma, dove sono stati celebrati i funerali di Manuela Pietrangeli (di Pufui PcPifpef, licenza CC BY-SA 4.0)

Molinaro era impiegato come operatore sociosanitario nella struttura Don Guanella di via Aurelia Antica, conosciuta come la "Casa San Giuseppe". Secondo le ricostruzioni, lui e Petrangeli si erano separati da circa tre anni. Dalla loro relazione era nato un figlio di 9 anni. Non risulterebbero denunce riguardanti la coppia.‍[4] La signora Pietrangeli, per tutelare il bambino, avrebbe preferito non ricorrere alle forze dell'ordine.‍[7]

La prima compagna invece lo aveva denunciato per maltrattamenti. L'uomo ai tempi fu arrestato e, dopo un paio di mesi in carcere, ritornò libero per seguire dei percorsi di recupero.‍[6]

Molinaro è stato condotto in carcere con le accuse di omicidio volontario aggravato e detenzione abusiva d'arma da fuoco. Il successivo 6 luglio, nel corso dell'interrogatorio di garanzia, l'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere.‍[8] Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato la custodia cautelare richiesta dalla Procura, ravvisando il pericolo di reiterazione dei reati.‍[3]

Note

  1. a b Femminicidio in strada a Roma: fisioterapista uccisa con un fucile dall'ex. L'uomo ha precedenti per stalking. ANSA · Archiviato dall'originale. Consultato il 4 luglio 2024.
  2. Roma, Manuela Petrangeli uccisa in strada dall'ex Gianluca Molinaro: spari da un'auto al Portuense. Le sue ultime parole: "Aiutami". Lui ha precedenti per stalking. Il Messaggero · Archiviato dall'originale. Consultato il 4 luglio 2024.
  3. a b Autopsia di Manuela Petrangeli, uccisa da uno spietato colpo di fucile al cuore. Quotidiano Nazionale · Archiviato dall'originale. Consultato il 7 luglio 2024.
  4. a b Femminicidio Roma, comandante Carabinieri: "No denunce in passato da parte della vittima". LaPresse · Archiviato dall'originale. Consultato il 5 luglio 2024.
  5. Manuela Petrangeli uccisa, la prima compagna del killer: "Mi ha telefonato e mi ha detto 'spero sia morta', così l'ho convinto a consegnarsi". Il Messaggero · Archiviato dall'originale. Consultato il 4 luglio 2024.
  6. a b Donna uccisa a Roma, l'ex dell'omicida: "Voleva ammazzarsi, l'ho convinto a costituirsi". Adnkronos · Archiviato dall'originale. Consultato il 4 luglio 2024.
  7. Donna uccisa a colpi di fucile a Roma. L'ex compagno si costituisce e consegna l'arma. AGI · Archiviato dall'originale. Consultato il 4 luglio 2024.
  8. Donna uccisa a fucilate a Roma, convalidato il fermo dell'ex. Autopsia: fatale il colpo al cuore. Adnkronos · Archiviato dall'originale. Consultato il 6 luglio 2024.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.