Aosta. Omicidio Elena Raluca Serban. La Procura chiede il giudizio immediato per Gabriel Falloni. L'uomo rischia l'ergastolo.

Immagine della notizia (Miniatura di Agnello su Wikimedia Commons)

Possono portare all'ergastolo le accuse che la Procura di Aosta, nella richiesta di giudizio immediato, contesta al 36enne Gabriel Falloni, che ha confessato l'uccisione della 32enne romena Raluca Elena Serban.

L'omicidio della giovane risale allo scorso 17 aprile scorso. L'uomo era stato arrestato quattro giorni dopo il delitto, trascorsi tra la Valle e la Liguria, e si trova in carcere da allora.

Le accuse sono di omicidio volontario con l'aggravante di aver commesso il fatto al fine di rapinarla. La rapina è, appunto, l'altra contestazione formulata. Accuse che non permettono all'imputato di richiedere un rito alternativo

Falloni aveva confessato il delitto circa un mese dopo l'accaduto. Durante un interrogatorio davanti al pm aveva raccontato la sua versione dei fatti. Il tutto sarebbe legato a uno screzio sulla prestazione concordata con la giovane. Lui ha riferito di una battuta della 32enne avvertita come mortificante, a seguito della quale è avvenuta una colluttazione.

La vittima era deceduta dopo essere stata accoltellata. L'uomo aveva spiegato di essersi sbarazzato dell'arma da taglio buttandola in un cassonetto dei rifiuti non lontano da casa, mentre i cellulari della 32enne sarebbero stati lanciati in Dora. Una tesi che il processo stabilirà se sarà credibile o meno.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.