Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Torino. Omicidio Angela Dargenio. Chiesti 30 anni di reclusione per l'ex marito. Il legale di parte civile: "No alle attenuanti".

Immagine della notizia (Miniatura di stephane333 su Flickr, licenza CC BY-SA 2.0)

Torino. Omicidio Angela Dargenio. Chiesti 30 anni di reclusione per l'ex marito. Il legale di parte civile: "No alle attenuanti".

"Meglio un tumore che una figlia separata. Non avrebbe dovuto farlo, se l'è cercata". Queste parole sarebbero state dette dalla mamma di Angela Dargenio, uccisa dal marito con 5 colpi di pistola perché aveva deciso di rifarsi una vita e, dopo la separazione ufficiale, aveva iniziato una nuova frequentazione.

Lo ha raccontato stamattina, 24 febbraio 2022, in aula l'avvocato Stefano La Notte che tutela i figli della coppia, parte civile contro il padre nel processo che si sta celebrando in corte d'assise a Torino.

L'imputato è Massimo Bianco, guardia giurata di 51 anni che aveva sparato 8 colpi di pistola alla ex moglie lo scorso 7 maggio. La pm Francesca Traverso ha chiesto 30 anni di reclusione. "Un omicidio nato dal senso di possesso che lui nutriva nei confronti di lei" ha riferito.

"Sono contrario alle attenuanti generiche – ha specificato l'avvocato di parte civile, Stefano La Notte. – Non è stato un momento di follia, non è stato il drammatico epilogo di una lite. Questo omicidio è il prodotto di una cultura e di una mentalità di paese ancora molto presente in Italia: 'una donna non si deve separare'. Angela Dargenio è vittima di una cultura maschilista e selvaggia".

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.