Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Il femminicidio di Lijdia Miljkovic a Vicenza

Vittima:
Lijdia Miljkovic
Killer:
Zlatan Vasiljevic
Località:
Vicenza
Data:
8 giugno 2022
La Chiesa di San Luca a Vicenza, detta anche Chiesa della Misericordia, dove sono stati celebrati i funerali di Lijdia Miljkovic

La Chiesa di San Luca a Vicenza, detta anche Chiesa della Misericordia, dove sono stati celebrati i funerali di Lijdia Miljkovic (di Marco Chemello, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Lijdia Miljkovic

Lijdia Miljkovic, 42 anni, è stata uccisa in strada la mattina dell'8 giugno 2022 nel quartiere Gogna di Vicenza. La donna, originaria della Serbia, era madre di due figli di 13 e di 16 anni.‍[1]

Uno scorcio del Santuario della Madonna di Monte Berico a Vicenza

Uno scorcio del Santuario della Madonna di Monte Berico a Vicenza (di Geobia, licenza CC BY-SA 4.0)

La vittima si trovava in macchina e si stava recando sul posto di lavoro, dopo aver accompagnato i figli a scuola. Quella mattina si era data appuntamento con l'ex compagno, Zlatan Vasiljevic, coetaneo originario della Bosnia-Erzegovina. I due avrebbero dovuto discutere del rogito per l'acquisto di una casa in cui la donna doveva andare a vivere insieme ai figli. Il quarantaduenne però, arrivato all'incontro a bordo di un auto, aveva sparato diversi colpi di pistola verso Lijdia, togliendole le vita.‍[2][3]

L'arma da fuoco utilizzata era illegalmente detenuta. Subito dopo Vasiljevic si è dato alla fuga, rendendosi irreperibile. La vittima raggiunta dai proiettili avrebbe fatto in tempo a scendere dalla sua vettura, ma alla fine è crollata sull'asfalto. I vicini, uditi gli spari, hanno immediatamente allertato i soccorsi. Purtroppo per lei non si è potuto fare altro che constatare il decesso.

La signora Lijdia era impiegata in una ditta di servizi di pulizia. Circa 14 anni prima si era sposata con Vasiljevic, insieme al quale risiedeva ad Altavilla Vicentina. Dalla loro unione erano nati i due figli. Lei poi si era separata e, nell'ultimo periodo, si era legata ad un nuovo compagno.

La donna era stata vittima di molteplici episodi di violenza messi in atto dal marito nel corso della loro relazione. Infatti l'uomo era stato condannato in via definitiva per i reati di maltrattamenti in famiglia nei confronti della coniuge e lesioni personali e minacce anche ai danni dei familiari di lei.‍[4][5]

Nel 2019 il bosniaco era pure stato sottoposto alla custodia cautelare in carcere, successivamente attenuata con gli arresti domiciliari e il divieto di avvicinamento alla persona offesa. Misure che sono decadute nel febbraio del 2021.‍[6] La signora Miljkovic nell'ultimo periodo, per stare lontano dall'ex marito, si era dovuta trasferire a Schio (Vicenza) nell'abitazione dei genitori.‍[7][8]

La Chiesa di San Luca a Vicenza, detta anche Chiesa della Misericordia, dove sono stati celebrati i funerali di Lijdia Miljkovic

La Chiesa di San Luca a Vicenza, detta anche Chiesa della Misericordia, dove sono stati celebrati i funerali di Lijdia Miljkovic (di Marco Chemello, licenza CC BY-SA 3.0)

Nel pomeriggio dell'8 giugno 2022 Vasiljevic è stato trovato morto all'interno dell'auto con la quale era fuggito, parcheggiata in una piazzola di sosta della tangenziale di Vicenza. Nell'abitacolo era presente anche un altro cadavere.‍[9] Si trattava del corpo senza vita dell'ultima ex compagna dell'uomo, Jenny Gabriela Serrano, 36 anni, originaria del Venezuela.‍[10][11]

Le ricostruzioni eseguite dagli investigatori avrebbero accertato che la sudamericana sia stata uccisa prima di Lijdia. Zlatan in mattinata aveva convinto Gabriela a farsi dare un passaggio, nonostante i due avessero chiuso la loro relazione da diversi mesi. La trentaseienne si era diretta da Rubano (Padova) a Vicenza con l'auto del suo ex marito connazionale.

Una volta salito in macchina, già armato, il bosniaco avrebbe discusso con la donna prima di compiere il delitto. L'uomo avrebbe sparato un solo colpo alla nuca dell'ex compagna. Imprecisato il punto in cui si è consumato l'omicidio. Dopodiché Vasiljevic, alla guida della vettura con il cadavere della venezuelana sul sedile posteriore, si è recato all'incontro con l'ex moglie, dove ha sparato diversi proiettili togliendo la vita anche alla quarantaduenne.

Il malintenzionato poi ha vagato con l'auto imbottita di esplosivi, facendo esplodere due ordigni in giro per Vicenza. Ignote le modalità con cui il bosniaco si sia procurato le armi e le abbia introdotte nella vettura, probabilmente costringendo l'ex compagna. Soltanto nel pomeriggio ha terminato la sua corsa, suicidandosi con un colpo di pistola in bocca lungo la tangenziale della città berica.‍[12][13]

Note

  1. Donna di 42 anni freddata a colpi di pistola in strada dal suo ex. Il Giornale di Vicenza. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 giugno 2022.
  2. Colpi di pistola in strada: donna uccisa a sangue freddo, il killer fugge in auto. Si cerca l'ex compagno. L'Eco Vicentino. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 giugno 2022.
  3. Uccide in strada l'ex compagna, fa esplodere due granate e fugge, poi spara alla fidanzata e si suicida in auto. Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 giugno 2022.
  4. Procuratore Vicenza Bruno: bosniaco Zlatan Vasiljevic uccide moglie serba Lidja Miljkovic, venezuelana Jenny Gabriela Serrano e si suicida. ViPiù. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 giugno 2022.
  5. Il killer di Lidia uccide anche l'attuale compagna Gabriela e poi si spara. Entrambe lasciano due figli. TViWeb. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 giugno 2022.
  6. Femminicidi di Vicenza, "Vasiljevic aveva pagato i debiti con la giustizia. Non potevamo tenerlo in galera". CorrieredelVeneto. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 giugno 2022.
  7. Zlatan, chi è il killer che ha ucciso l'ex moglie, la compagna e poi si è suicidato. Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 giugno 2022.
  8. Zlatan Vasiljevic, chi era il killer che ha ucciso due donne a Vicenza e lanciato granate durante la fuga. CorrieredelVeneto. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 giugno 2022.
  9. Vicenza, uccide la ex e la nuova compagna. Poi si toglie la vita. quotidiano.net. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 giugno 2022.
  10. Vicenza, doppio femminicidio. Il killer Zlatan Vasiljevic era già stato fermato. Nordest24. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 giugno 2022.
  11. Uccide la ex e la compagna attuale, poi si toglie la vita nella sua auto a Vicenza. Rai News. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 giugno 2022.
  12. Il giorno di sangue di Zlatan, Gabriela morta per prima e poi sei colpi contro la ex. Trentino. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 giugno 2022.
  13. L'agghiacciante sequenza: Zlatan ha ucciso prima la compagna e poi l'ex moglie. La trappola prima della strage. Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 giugno 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.