Il femminicidio di Gilberta Palleschi a Campoli Appennino

Vittima:
Gilberta Palleschi
Killer:
Antonio Palleschi
Località:
Campoli Appennino
Data:
10 dicembre 2014
Uno scorcio del fiume Liri passante per Sora, paese d'origine di Gilberta Palleschi in provincia di Frosinone

Uno scorcio del fiume Liri passante per Sora, paese d'origine di Gilberta Palleschi in provincia di Frosinone (di Gabriel Marchionni, licenza CC BY-SA 3.0)

Voce su Gilberta Palleschi

Gilberta Palleschi, 57 anni, originaria di Sora, era un'insegnante di inglese e segretaria regionale dell'Unicef, scomparsa nei boschi di Campoli Appennino in provincia di Frosinone. Uscita per fare jogging lungo il fiume Fibreno la mattina del 1° novembre 2014, non fece più rientro in casa.‍[1][2]

Uno scorcio del fiume Liri passante per Sora, paese d'origine di Gilberta Palleschi in provincia di Frosinone

Uno scorcio del fiume Liri passante per Sora, paese d'origine di Gilberta Palleschi in provincia di Frosinone (di Gabriel Marchionni, licenza CC BY-SA 3.0)

Il suo cadavere fu ritrovato il successivo 10 dicembre, in una cava a pochi chilometri dallo stesso luogo della scomparsa. A indirizzare gli inquirenti verso la risoluzione del caso fu Antonio Palleschi, 43 anni. Arrestato in precedenza come principale sospettato, aveva confessato di essere l'autore dell'omicidio.‍[3][4]

Secondo le ricostruzioni, l'uomo, omonimo della donna senza alcuna parentela con lei, aveva tentato di stuprare la vittima, aggredendola a calci, pugni e colpi di pietra.‍[5] Mentre era ancora viva, la rinchiuse nel bagagliaio della propria auto, poi la gettò lungo una scarpata. Una volta uccisa, occultò il cadavere nella cava, dove fu rinvenuto il successivo 10 dicembre 2014. Il giorno dopo il delitto, il quarantatreenne tornò sul posto e avrebbe tentato di violentare il corpo senza vita della donna.

L'uomo abitava a poca distanza dalla residenza della vittima. Già in passato aveva tentato di stuprare un'altra donna: episodio per il quale aveva scontato un anno di carcere per violenza sessuale.

Palleschi fu condannato in primo grado all'ergastolo, ma in Appello gli venne riconosciuta la diminuente del vizio parziale di mente, ottenendo uno sconto di pena e la reclusione a 20 anni.‍[6] La sentenza di secondo grado fu confermata in via definitiva dalla Corte di Cassazione.‍[7][8]

Note

  1. Sora, scomparsa insegnante e segretaria regionale Unicef. Fanpage · Archiviato dall'originale.
  2. Insegnante scomparsa in Ciociaria, ricerche lungo il percorso di jogging. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  3. Frosinone, uccisa la prof scomparsa. Fermato un muratore: ha confessato. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  4. Gilberta Palleschi, trovato corpo di insegnante scomparsa. Confessa un uomo. Il Fatto Quotidiano · Archiviato dall'originale.
  5. Omicidio Palleschi, restituiti ai familiari gli oggetti personali di Gilberta. CiociariaOggi.it · Archiviato dall'originale.
  6. Sora, omicidio Gilberta Palleschi: riconosciuta seminfermità a imputato. Pena ridotta a 20 anni. la Repubblica · Archiviato dall'originale.
  7. Omicidio di Gilberta Palleschi: massacrata dal mostro del Fibreno, profanato il cadavere. Fanpage · Archiviato dall'originale.
  8. Sora, l'assassinio di Gilberta vale solo venti anni di carcere. Niente più ergastolo. FrosinoneToday · Archiviato dall'originale.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.