Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Marcella Boraso a Portogruaro

Vittima:
Marcella Boraso
Killer:
Wail Baoulaied
Presunto killer:
Mohammed Rabih
Località:
Portogruaro
Data:
22 luglio 2020
Foto di Portogruaro in provincia di Venezia
Foto di Portogruaro in provincia di Venezia (di StephaneMat, licenza CC BY-SA 3.0)

Marcella Boraso, 59 anni, è stata trovata senza vita nella sua abitazione di Portogruaro, in provincia di Venezia, la mattina del 22 luglio 2020.

Foto di Portogruaro in provincia di Venezia
Foto di Portogruaro in provincia di Venezia (di StephaneMat, licenza CC BY-SA 3.0)

I vicini di casa hanno notato del fumo uscire dall'appartamento della vittima, così hanno chiamato i vigili del fuoco. All'interno vi era un incendio in corso, domato dai pompieri intervenuti sul posto che hanno trovato i fornelli accesi: il rogo era di matrice dolosa. La cinquantanovenne è stata rinvenuta con numerose ferite al capo mentre parti del bagno dell'abitazione erano in frantumi. Elementi che hanno escluso la prima ipotesi di un incidente domestico per portare gli investigatori sulla pista dell'omicidio.‍[1]

Nei giorni successivi è stato fermato un conoscente della donna, Wail Baoulaied, 23 anni, originario del Marocco, accusato di essere il responsabile dell'aggressione mortale che ha causato il decesso della vittima. Il giovane abitava in un appartamento, occupato abusivamente, di un condominio vicino a quello dove viveva la vittima, nello stesso complesso di abitazioni. Era già noto alle forze dell'ordine essendo stato in precedenza denunciato per ricettazione: avrebbe rubato delle attrezzature ad alcuni vicini di casa. Per questo motivo la signora Boraso, in quanto sua conoscente, era stata interrogata, dichiarando che il ventitreenne la maltrattava, la picchiava e le chiedeva in continuazione i soldi per l'acquisto di sigarette.

Lei e Baoulaied si erano incontrati al Sert, che entrambi frequentavano per problemi di dipendenza. Un'amicizia che avrebbe portato il ragazzo a recarsi diverse volte nell'abitazione della donna, della quale il ventitreenne avrebbe persino avuto le chiavi di casa. Era forte negli inquirenti l'ipotesi che lui fosse l'autore dell'omicidio della cinquantanovenne, ma il ragazzo aveva respinto ogni addebito.

Dall'esame autoptico è emerso che la vittima aveva il cranio fracassato: sarebbe stata colpita con una bottiglia di birra, rinvenuta sulla scena del crimine, e ripetutamente sbattuta con la testa contro il water, tanto da romperlo. Baoulaied avrebbe infierito con violenza sul corpo della donna anche quando era già deceduta. L'aggressione sarebbe avvenuta durante la notte tra il 21 e il 22 luglio, poi nelle ore seguenti il marocchino avrebbe appiccato l'incendio nel tentativo di cancellare le tracce.‍[2][3]

Il giovane è stato condotto in carcere. Nel successivo mese di novembre, in un interrogatorio effettuato nel penitenziario dove era detenuto, di fronte al magistrato titolare dell'inchiesta, il ventitreenne ha confessato di essere il responsabile dell'omicidio.‍[4] Grazie alle sue dichiarazioni è stato possibile individuare e arrestare il presunto complice nell'esecuzuone del delitto, Mohammed Rabih, connazionale di 21 anni.‍[5]

Note

  1. Casa a fuoco, donna 59enne trovata morta Botte in testa e ferite, s'indaga per omicidio. La Nuova Venezia. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 luglio 2020.
  2. Venezia, 59enne trovata morta in casa: l'assassino le ha fracassato la testa sul bidet. TPI. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 luglio 2020.
  3. "Ferocia brutale su quella donna". Il Gazzettino. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 luglio 2020.
  4. Omicidio di Marcella Boraso, il killer confessa: "L'ho uccisa io". L'ombra di un complice. VeneziaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 25 novembre 2020.
  5. Omicidio di Marcella Boraso, arrestato il secondo assassino: è un 21enne. VeneziaToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 27 novembre 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.